Senza categoria

Come scegliere un lavello per la cucina?

Come scegliere un lavello per la cucina?

Qual è il lavello più adatto per la tua cucina? Leggi l’articolo per scoprire tutti gli elementi da tenere in considerazione nella scelta del tuo nuovo lavello.

La scelta del lavello da cucina è un passaggio che non può essere dato per scontato. È uno degli elementi più utilizzati nelle nostre cucine e svolge un ruolo cruciale nella pulizia delle stoviglie e nella preparazione dei pasti che andremo poi a consumare: per questo, è fondamentale scegliere un lavello che possa essere igienico, pratico e facile da pulire.

Anche l’occhio vuole, tuttavia, la sua parte. E così anche il lavello da cucina, da semplice spazio per la pulizia degli alimenti e delle stoviglie, può diventare un sofisticato elemento di stile e design, in grado di esaltare l’atmosfera di cura e pulizia scelta per l’intera stanza da pranzo.

Sono tante le proposte che il mercato mette oggi a disposizione. Come fare a districarsi in tutta questa offerta? E quali fattori bisogna tenere in considerazione? In questo articolo esploreremo il mondo dei lavelli da cucina, le novità, i diversi materiali e ti forniremo una breve guida su come scegliere quello giusto per la tua cucina. 

In particolare, vedremo: 

Quale lavello scegliere in base alle dimensioni della tua cucina?

La prima cosa da fare nella scelta del proprio lavello da cucina è considerare gli spazi a disposizione. Non tutti i lavelli sono infatti adatti a qualsiasi tipo di cucina. Ed è quindi fondamentale partire dagli spazi disponibili per scegliere un prodotto che sappia essere innanzitutto pratico e facile da utilizzare.

In una cucina di piccole dimensioni, per esempio, è necessario ottimizzare al massimo gli spazi a disposizione e dunque optare per un lavello più piccolo che sappia comunque garantirti la praticità di utilizzo di cui hai bisogno: un prodotto a vasca singola con gocciolatoio laterale può essere la soluzione che fa al caso tuo.

Le cucine più grandi consentono invece di sbizzarrirsi fra una scelta vastissima: lavelli a una o due vasche, un ampio gocciolatoio, magari pure lo spazio per inserire qualche accessorio. È importante però non farsi prendere dalla frenesia: ricordati che il lavello da cucina deve essere innanzitutto uno spazio pratico e funzionale, facile da gestire e da pulire.

Una volta scelto il modello dalle dimensioni più adeguate, puoi decidere di abbinare al tuo lavello da cucina anche qualche accessoriocome taglieri multifunzione, griglie e cestelli. È un modo pratico per ottimizzare al meglio gli spazi a disposizione e creare un ambiente funzionale per la preparazione dei pasti e la pulizia delle stoviglie.

Come scegliere un lavello per la cucina?

Quale configurazione scegliere per il tuo lavello da cucina?

L’offerta di mercato si arricchisce ogni giorno di lavelli da cucina dalle più svariate configurazioni. Scegliere fra tutte queste proposte può essere difficile, soprattutto se non si hanno ben chiari i punti di forza e le caratteristiche principali dei modelli in offerta e le esigenze che si intende soddisfare.

Partiamo da un grande classico: il lavello da cucina a vasca singola. È senza dubbio il modello più comune e diffuso nelle nostre cucine: è probabilmente la soluzione ideale per le famiglie numerose, in quanto la vasca unica offre un grande spazio in cui riporre pentole e stoviglie di grandi dimensioni. Il piano di lavoro, comprensivo di gocciolatoio, è tendenzialmente più grande e può in questo modo soddisfare le esigenze di chi ama dilettarsi ai fornelli.

Il lavello da cucina a due vasche sta invece prendendo piede negli ultimi anni e si è rapidamente imposto come un complemento d’arredo sofisticato e di design. Si caratterizza per un’estrema versatilità e funzionalità, in quanto la presenza di due vasche consente di svolgere più attività contemporaneamente: in una vasca, per esempio, è possibile lavare le stoviglie, mentre l’altra può essere sfruttata per sciacquare gli alimenti che poi andremo a consumare. La disponibilità di due vasche può inoltre consentire di utilizzare meno acqua e offrire così un inaspettato incentivo al risparmio idrico e, di conseguenza, alla sostenibilità ambientale.

Anche in questo, è bene tenere in considerazione gli spazi a disposizione. Il mercato offre per esempio lavelli da cucina angolari che possono essere sfruttati per ottimizzare al meglio gli ambienti disponibili e ricavare un’area pratica e funzionale per la preparazione dei pasti e per la pulizia delle stoviglie.

Quali materiali sono disponibili per il lavello da cucina?

Anche la scelta del materiale è un passaggio che non può essere dato per scontato. Ciascun materiale ha infatti caratteristiche e peculiarità che possono avere un impatto significativo sulla funzionalità, l’estetica e la durevolezza nel tempo del lavello.

In questo nostro articolo ci concentreremo sui materiali scelti da Evhoc per la sua collezione di lavelli da cucina: acciaio e Kuarzite.

Lavelli da cucina in acciaio

lavelli da cucina in acciaio sono un altro grande classico. Sono noti e diffusi per la loro resistenza alla corrosione e alle macchie, cosa che li rende estremamente durevoli nel tempo e facili da pulire. Risultano invece soggetti a graffi, soprattutto se sottoposti a materiali particolarmente duri e abrasivi: è una caratteristica tipica dell’acciaio inossidabile, riscontrabile in tutti i prodotti presenti attualmente sul mercato.

Presentano una superficie liscia che non agevola l’accumulo di germi e batteri, favorendo la preservazione dell’igiene del lavello da cucina e agevolando, com’è noto, tutte le operazioni di pulizia.

Il loro stile moderno e pulito lo rendono un classico che non passa mai di moda, capace di adattarsi perfettamente a cucine dal taglio classico e anche a quelle che presentano un arredamento più all’avanguardia e sofisticato. 

Lavelli da cucina in Kuarzite

La Kuarzite è un materiale unico creato da Evhoc per i suoi lavelli. Si tratta di un materiale composto da granito e resina acrilica e presenta caratteristiche analoghe alle materie prime di cui è composto.

Il risultato è un materiale molto resistente, impermeabile, atossico, liscio, duttile, resistente alle temperature elevate e agli urti. I lavelli da cucina in Kuarzite di Evhoc risultano pertanto estremamente durevoli nel tempo e offrono una facilità di pulizia che consente di mantenere agevolmente l’atmosfera di pulizia e igiene che hai sempre desiderato.

La resa estetica è molto simile alla pietra naturale, ideale dunque per cucine dallo stile classico ma anche per audaci contrasti in spazi e ambienti più moderni e dal taglio più sofisticato. 

L’offerta di lavelli da cucina in Kuarzite di Evhoc è inoltre disponibile in numerose colorazioni. Sono tutte realizzate a elevate temperature per consentire ai colori di penetrare all’interno del materiale e di mantenersi stabili e duraturi nel tempo, senza correre il rischio che il lavello possa sbiadirsi, ingiallirsi o sporcarsi irrimediabilmente. 

Come scegliere un lavello per la cucina?

Quale forma e colore scegliere per il tuo lavello da cucina?

Arrivati a questo punto, resta soltanto una cosa da fare: tenere conto del proprio gusto personale e del proprio senso estetico. Già, perché il lavello è ormai diventato a tutti gli effetti un elemento di design, in grado di esaltare e valorizzare lo stile scelto per la propria cucina.

In questo caso, non ci sono tante indicazioni da dare: lasciati guidare dal tuo gusto e cerca soluzioni che sappiano soddisfare le tue esigenze estetiche. Il mercato offre ormai una vasta scelta di lavelli da cucina di tutte le forme e dimensioni, non ti resta che trovare quello più adatto a te.

Anche l’offerta cromatica si è fatta decisamente più ampia: al classico colore dell’acciaio inossidabile si sono infatti aggiunte tonalità che possono sposarsi a meraviglia con la scelta cromatica fatta per la propria cucina.

In questo contesto, una grande varietà è offerta dai lavelli da cucina in Kuarzite di Evhoc: l’offerta della società, come già accennato, è particolarmente ampia e consente di scegliere il proprio lavello da cucina nelle tonalità di nero, bianco, tortora, avena e grigio cemento.