Notizie

10 modi per mantenere pulito il lavello della cucina

10 modi per mantenere pulito il lavello della cucina

10 modi per mantenere pulito il lavello della cucina, sia che il lavello sia in acciaio inox che in Kuarzite, in questa guida troverai come mantenerlo pulito.

Il lavello della cucina è una delle aree più frequentate e utilizzate della nostra casa. È il luogo dove puliamo i nostri piatti, laviamo le verdure e svolgiamo molte altre attività quotidiane legate alla preparazione dei pasti. Tuttavia, proprio a causa della sua costante esposizione all’acqua, ai residui di cibo e agli agenti di pulizia, può diventare rapidamente sporco e disordinato se non viene adeguatamente curato.

Mantenere il lavello della cucina pulito e igienico è essenziale per garantire un ambiente sano e accogliente nella nostra area di lavoro culinaria. Fortunatamente, ci sono diversi modi semplici ed efficaci per mantenerlo pulito e preservare la sua bellezza a lungo termine.

In questo articolo, esploreremo 10 modi per mantenere pulito il lavello della cucina. Vedremo l’importanza di svuotare e pulire immediatamente i piatti sporchi, l’utilizzo di accessori e vaschette per mantenere l’ordine, nonché l’uso di detergenti specifici a seconda del materiale di cui è fatto.

Esamineremo anche l’importanza di una pulizia quotidiana, della rimozione delle macchie di calcare e della corretta cura dei lavelli in acciaio inossidabile e di quelli in Kuarzite.

Seguendo questi suggerimenti pratici, potrai mantenere il tuo lavello pulito, igienico e privo di germi e batteri. Iniziamo subito, ecco gli argomenti che troverai in questo articolo:

10 metodi per mantenere pulito il lavello della cucina

1. Mantieni l’ordine nel lavello

Sembra scontato, ma mantenere l’ordine e la pulizia del lavello della cucina non è sempre facile. È una zona che viene utilizzata di frequente, sia per la preparazione degli alimenti che per la pulizia e l’asciugatura delle stoviglie e degli altri utensili da cucina. 

Per tenerlo in ordine e facilitarne così la pulizia, Evhoc ha realizzato una collezione di accessori specifici per lavelli:

  • Taglieri multifunzione - da usare come scolapiatti, piano di appoggio o cover estetica, sono utilissimi per facilitare le pulizie del lavello;
  • Cestelli - compatibili con i lavelli di tutte le collezioni Evhoc, i cestelli possono essere usati come scolapiatti, piano appoggio verdure o cover estetiche;
  • Griglie multifunzione - disponibili in hpl o in acciaio, le griglie possono essere usate come appoggio o sottopentola sia nel lavello che nel top della cucina;
  • Vaschette - utili per riporre le posate ad asciugare, ma anche per lavare frutta e verdura, le vaschette aiutano a tenere in ordine il lavello e facilitare la pulizia dopo ogni utilizzo. 

2. Non lasciare residui di cibo e piatti sporchi nel lavello

Lasciare residui di cibo e piatti sporchi nel lavello non solo può causare odori sgradevoli, ma può anche favorire la proliferazione di batteri e germi indesiderati. Inoltre, i residui di cibo possono seccarsi e aderire alle pareti del lavello, rendendo più difficile la pulizia successiva.

Per prevenire questo problema, è consigliabile sciacquare accuratamente i piatti e le stoviglie subito dopo l'utilizzo, rimuovendo qualsiasi residuo di cibo in eccesso. In seguito, si consiglia di lavarli con detergente per piatti e acqua calda, assicurandosi di rimuovere completamente ogni traccia di sporco. 

È importante svuotare il lavello regolarmente, eliminando i residui di cibo raccolti nel filtro o nel sistema di drenaggio. Questo aiuta a mantenere un ambiente igienico e a prevenire l'accumulo di odori sgradevoli.

3. Pulisci bene il filtro del lavello 

È di estrema importanza pulire accuratamente il filtro del lavello per garantire un'efficace funzione di drenaggio e prevenire l'accumulo di sporco e residui. Il filtro svolge un ruolo fondamentale nel trattenere i detriti, impedendo loro di ostruire il sistema di scarico e causare problemi.

Per pulire adeguatamente il filtro del lavello, rimuovi il filtro delicatamente, facendo attenzione a non danneggiarlo. Una volta rimosso, verifica se ci sono accumuli di residui di cibo o sporcizia. 

Puoi utilizzare un piccolo spazzolino a setole morbide o una spugna non abrasiva per rimuovere delicatamente gli accumuli. Assicurati di raggiungere tutte le parti del filtro e pulirlo accuratamente.

Se il filtro è particolarmente sporco o presenta accumuli ostinati, puoi immergerlo in acqua calda con un po' di detergente per piatti. Lascia il filtro in ammollo per alcuni minuti in modo che lo sporco si ammorbidisca, quindi strofina delicatamente con una spazzola o una spugna per rimuovere completamente i residui.

Una volta terminata la pulizia, risciacqua il filtro abbondantemente con acqua calda per rimuovere tutti i residui di sapone. Assicurati che sia completamente asciutto prima di rimetterlo nella sua posizione originale nel lavello.

4. Pulisci il lavello quotidianamente

Pulire il lavello quotidianamente è una pratica essenziale per mantenere l'igiene e la pulizia della cucina. Questa semplice e sana abitudine può prevenire la formazione di batteri, muffe e cattivi odori nel lavello, contribuendo a preservare un ambiente sano e accogliente.

Utilizza una spugna morbida o un panno pulito imbevuto di acqua e di un detergente adatto a rimuovere i residui di cibo, macchie o tracce di calcare. Tutto ciò consentirà di eliminare gli antiestetici aloni di sporco dal lavello, garantendoti così uno spazio igienico e profumato per la preparazione dei tuoi pasti quotidiani.

Questa buona abitudine ti consentirà di avere, con pochi minuti di spugna e detergente al giorno, il lavello pulito e profumato che hai sempre desiderato. Ogni tanto si rivelerà tuttavia necessario un intervento di pulizia un po’ più approfondito.

Non c’è una regola aurea da seguire: molto dipende dal materiale del lavello, dall’uso che ne viene fatto, dalla frequenza di utilizzo e dai prodotti impiegati quotidianamente per la pulizia. 

Tendenzialmente ti consigliamo comunque di prenderti una o due volte al mese qualche minuto in più (e un po’ più di energia) per dedicarti all’igiene del tuo lavello. Così facendo, la superficie del lavello resterà sempre come nuova.

10 modi per mantenere pulito il lavello della cucina

5. Utilizza il prodotto giusto a seconda del materiale

Il materiale con cui è realizzato il lavello incide molto sulle tecniche e sui prodotti che possono essere utilizzati per la pulizia del lavello da cucina. Non esiste il prodotto ideale per la pulizia di qualsiasi tipo di lavello, quindi ti suggeriamo di seguire sempre le istruzioni del produttore e le avvertenze disponibili sui diversi flaconi di detergente.

Dedicheremo due spazi specifici alla pulizia dei lavelli in acciaio inox e Kuarzite: in questo paragrafo ci limiteremo a qualche breve indicazione sulle tecniche e sui prodotti da utilizzare su lavelli realizzati in materiali diversi.

Per i lavelli in granito è bene evitare detergenti acidi o abrasivi, che potrebbero danneggiare la superficie: meglio optare semplicemente per acqua calda e sapone neutro, assicurandoti che la superficie sia ben asciutta dopo la pulizia per evitare la creazione di aloni di calcare e detergente.

Acqua calda e sapone neutro anche per la pulizia dei lavelli in ceramica. In presenza di macchie particolarmente ostinate è possibile optare anche per prodotti a base di bicarbonato di sodio. Assolutamente da evitare invece le spugne abrasive, che potrebbero graffiare la superficie smaltata del lavello.

Particolare attenzione va infine prestata alla pulizia dei lavelli in marmo, una superficie tanto elegante quanto delicata, che potrebbe essere irrimediabilmente rovinata dall’utilizzo di prodotti non adeguati a questo genere di materiale. 

La regola più importante è quella di evitare prodotti acidi, come succo di agrumi o soluzioni a base di acido cloridrico, che potrebbero danneggiare il marmo. 

Fa eccezione soltanto l’aceto, a condizione però che venga precedentemente diluito con acqua e applicato sulla superficie del lavello con estrema delicatezza.

6. Asciuga bene il lavello dopo averlo lavato

La pulizia del lavello non si limita alla semplice rimozione delle macchie con acqua e altri detergenti: è fondamentale asciugare bene la superficie una volta completate tutte le operazioni di pulizia.

Lasciare l’acqua ad asciugare nel lavello può infatti favorire la formazione di depositi di calcare, generando macchie che poi possono essere difficili da rimuovere e che possono richiedere l’utilizzo di prodotti specifici anticalcare.

Un lavello bagnato può favorire la proliferazione di muffe, germi e batteri: l’asciugatura completa della superficie dopo le operazioni di pulizia può evitare questo spiacevole inconveniente e aiutarti a preservare un ambiente salubre e igienico.

Ricorda infine che alcuni materiali, come il marmo e il granito, sono particolarmente sensibili all’acqua e una prolungata esposizione all’umidità può causare danni o alterazioni alla superficie del lavello.

7. Evita di lasciare oggetti di metallo a lungo nel lavello

Un’altra buona abitudine è quella di evitare di lasciare a lungo oggetti di metallo, come le classiche stoviglie, nel proprio lavello da cucina. Una volta utilizzati, è bene lavare, asciugare e riporre subito al loro posto forchette, coltelli, cucchiai e forbici: così facendo, oltre a dare un’immediata impressione di ordine e pulizia, avrai la possibilità di preservare meglio la superficie del tuo lavello.

Innanzitutto, è bene ricordare che i lavelli da cucina, per quanto resistenti, non sono indistruttibili. Lasciare a lungo oggetti metallici in un lavello in acciaio inox può causare graffi sulla superficie. Questo non si applica ai lavelli in Kuarzite e marmo. Il risultato, oltre a essere decisamente antiestetico, può generare sfregi e lesioni in cui possono rimanere incastrati sporco e residui di cibo difficili da eliminare.

In seconda battuta, gli oggetti metallici possono essere sensibili all’acqua e ai detergenti utilizzati per la pulizia del lavello: per quanto le stoviglie moderne siano principalmente in materiali inossidabili e dunque non soggette a ruggine, è bene evitare di mantenere a lungo oggetti metallici nel lavello per limitare al minimo il rischio di contaminare con eventuali sostanze chimiche gli alimenti che poi andremo a consumare.

8. Evita di tagliare direttamente sul lavello

Un consiglio del tutto analogo a quello precedente è quello di evitare di tagliare direttamente gli alimenti sul lavello da cucina. Utilizzare forbici e coltelli sulla superficie del lavello può infatti provocare graffi che, oltre a essere decisamente brutti da vedere, possono rendere più complicate le procedure di pulizia.

Tagliare gli alimenti direttamente sul lavello può inoltre accelerare l’usura del materiale con cui è realizzata la superficie del lavello e, non secondariamente, incrementare il rischio di contaminazione degli alimenti che poi andremo a consumare.

Se proprio non si vuole rinunciare alla comodità di tagliare carne, pesce, frutta e verdura vicino al lavello, è consigliabile l’utilizzo dei taglieri multifunzione di Evhoc: evitano il rischio di graffiare la superficie del lavello e possono essere utilizzati anche come scolapiatti, piani d’appoggio o semplici cover estetiche.

9. Elimina gli odori sgradevoli dallo scarico del lavello in modo naturale

Ci sono tanti modi per eliminare gli odori sgradevoli dello scarico del lavello in maniera naturale. Il classico rimedio della nonna è fatto di bicarbonato di sodio e aceto: basta versare mezza tazza di bicarbonato di sodio nello scarico e poi aggiungere lentamente mezza tazza di aceto bianco per avere una reazione chimica in grado di eliminare gli accumuli di grasso e cibo e neutralizzare così gli odori.

Un altro rimedio tradizionale è dato dal semplice succo di limone: basta versare un po’ di succo nello scarico, lasciare agire per qualche minuto e poi sciacquare tutto con acqua calda per avere un fresco aroma di agrumi che potrà mascherare tutti gli odori sgradevoli dello scarico.

Anche della semplice acqua bollente può consentire di eliminare gli odori sgradevoli che fuoriescono dallo scarico del lavello. Un po’ di acqua bollente versata nello scarico può infatti sciacquare eventuali accumuli di cibo, grasso e altri residui che potrebbero essere rimasti incastrati nelle tubature.

10 modi per mantenere pulito il lavello della cucina

10. Utilizza una spugna morbida

Chiudiamo questo nostro decalogo sui metodi più efficaci per pulire il tuo lavello da cucina con un semplice consiglio di buon senso: prediligi sempre l’utilizzo di spugne morbide ed evita panni abrasivi o spazzole rigide che possono invece provocare danni e graffi alla superficie del lavello.

Le spugne morbide si caratterizzano per un’estrema versatilità, visto che possono essere utilizzate senza particolari timori su ogni tipo di superficie, e risultano molto più facili da maneggiare per raggiungere gli angoli e le pieghe più strette del lavello.

Inoltre, nonostante la loro morbidezza, questo genere di spugne risultano particolarmente efficaci per la pulizia del tuo lavello: grazie alla loro struttura porosa, sono infatti in grado di catturare e trattenere tutti i residui di cibo e sporco, senza correre il rischio di danneggiare la superficie del tuo lavello. 

Consigli di pulizia per i lavelli in acciaio inox

Per la pulizia di un lavello in inox, ci sono degli accorgimenti specifici. Dopo aver pulito il lavello con acqua e spugna, passa un panno imbevuto di aceto bianco sulla superficie e successivamente asciuga con un panno morbido per ottenere un aspetto lucido e pulito. 

Per macchie più ostinate, si può optare per l'uso del bicarbonato di sodio, che ha proprietà abrasive. Dopo l'applicazione del bicarbonato, è sufficiente sciacquare con acqua tiepida e asciugare con un panno. Inoltre, per eliminare macchie di ruggine e calcare, il succo di limone risulta essere un'opzione efficace, mentre la scorza del limone può essere utilizzata per deodorare il lavello.

Come pulire un lavello in Kuarzite

Se possiedi un lavello in Kuarzite, materiale eccezionalmente resistente ideato da Evhoc, ecco alcuni suggerimenti per la sua pulizia. Prima di tutto, è sconsigliato l'uso di prodotti o detergenti chimici che potrebbero danneggiare la superficie nel lungo termine. Per una pulizia quotidiana efficace, ti suggeriamo invece di utilizzare un detersivo per piatti con l'aggiunta di bicarbonato. 

Per rimuovere le macchie causate dalle gocce d'acqua, invece, è possibile lucidare la superficie con un panno umido e alcune gocce di olio d'oliva. Nel caso di macchie più persistenti, l'aceto bianco si rivela un ottimo alleato: basta spruzzarlo sulla superficie, lasciarlo agire per almeno 4 ore e poi sciacquarlo. 

Per conferire un maggior splendore al lavello, puoi infine strofinarlo delicatamente con un panno morbido e della farina, e quindi risciacquarlo con acqua.

Quale modello scegliere a seconda delle tue esigenze: 5 proposte

DEUS 

Deus è un lavello in acciaio inox sopratop che presenta una finitura satinata scotch-brite brillante e una fascia forata per favorire la pratica installazione del miscelatore.

In perfetto equilibrio fra stile e praticità, è realizzato in maniera tale da appoggiarsi su tutti i piani cucina e presenta un fondo vasca di 20 cm con angoli interni smussati con ampio raggio da 12 mm per facilitare le operazioni di risciacquo e pulizia.

È disponibile in diverse dimensioni, in modo da soddisfare tutte le tue esigenze: Small (55x51cm), Medium (75x51cm) ed Extralarge (due vasche per una superficie complessiva di 75x51cm).

LUMIUM 

Eleganza e bellezza senza tempo per Lumium, lavello in acciaio inox con finitura satinata scotch-brite brillante. Il design semplice e minimale lo rende la soluzione ideale da abbinare a qualsiasi tipo di top da cucina.

Anche in questo caso il prodotto è disponibile in diversi modelli e dimensioni. Potrai scegliere tra la versione sopratop e sottotop.

La versione sopratop comprende: Small sopratop (54x44cm), Medium sopratop (74x44cm), Extralarge sopratop (due vasche per una superficie complessiva di 74x44cm).

La versione sottotop, invece, comprende: Small sottotop (54x44cm), Medium sottotop (74x44cm) ed Extralarge sottotop (due vasche per una superficie complessiva di 74x44cm).

La praticità resta un elemento essenziale del prodotto. Il fondo vasca è alto 20 cm e presenta una pendenza unica. Il bordo esterno è arrotondato con raggio di 10 mm, mentre gli angoli interni sono smussati con ampio raggio di 12 mm per agevolare le operazioni di pulizia e risciacquo del lavello.

DESIDERATA

Il lavello Desiderata di Evhoc spicca invece per design e funzionalità evolute. Questa linea presenta un lavello sopratop in Kuarzite a vasca unica. Questo prodotto ha la particolarità di disporre di una fascia preforata (con 5, 4 o 3 prefori, a seconda della dimensione) per posizionare anche eventuali accessori, nonché un gradino per consentire di estendere il piano di lavoro con un tagliere o uno scolapasta.

Disponibile in tre dimensioni (XS, 57x51cm; S, 79x51cm; L, 86x51cm), dispone della piletta di scarico AcquaFlow con copertura cromata per garantire un innovativo sistema di filtraggio e scarico. Gli angoli interni sono realizzati senza spigolo vivo, con raggio di 8-10mm per favorire le operazioni di pulizia.

Ampia anche la gamma cromatica, con diverse colorazioni disponibili: nero, grigio cemento, bianco e tortora.

UNICUM

Altra proposta in Kuarzite è quella di Unicum, lavello a vasca unica disponibile nelle versioni sopratop e sottotop e in due diverse dimensioni: Small (57x50cm sopratop e 54x44cmm sottotop) e Large (79x50cm sopratop e 76x44cm sottotop).

Ideale per chiunque volesse arredare la propria cucina con uno stile e un carattere moderno e contemporaneo, il lavello Unicum presenta un fondo vasca ampio e profondo, con altezza di 20cm, e pendenza unica. Gli angoli interni sono smussati con raggio di 5 mm senza spigolo vivo, sempre con l’obiettivo di facilitare le operazioni di pulizia.

Di nuovo ampio il catalogo di colorazioni fra cui scegliere: nero, grigio cemento, bianco e tortora.

ADHOC

Chiudiamo questo nostro articolo con la serie Adhoc, una linea di lavelli sopratop in Kuarzite che si distingue per la sua elevata versatilità e per la capacità di adattarsi a tutte le configurazioni di cucina.

Il lavello è disponibile in tre dimensioni che presentano tre configurazioni differenti. Il modello Adhoc S si compone di una vasca di 35x40cm e di un gocciolatoio per una superficie complessiva di 86x50cm. Nessun gocciolatoio ma ben due vasche invece nella versione Adhoc M: ogni vasca ha una dimensione di 35x40cm per una superficie complessiva di 86x51cm.

Pacchetto completo infine nel modello Adhoc L: due vasche e un gocciolatoio per una superficie complessiva di 116x43cm, l’ideale per chi possa disporre di una grande cucina e di una superficie vasta per il proprio lavello.

Tutti i modelli presentano angoli interni smussati per facilitare le operazioni di pulizia. Le finiture sono disponibili in tre colorazioni: nero, grigio cemento e avena.

10 modi per mantenere pulito il lavello della cucina

Mantieni il tuo lavello della cucina pulito e in condizioni ottimali

In questo articolo abbiamo esplorato 10 modi pratici per mantenere il lavello pulito, indipendentemente dal materiale di cui è fatto.

Abbiamo iniziato evidenziando l'importanza di mantenere l'ordine con l'uso di accessori appositi, come taglieri multifunzione, cestelli, griglie e vaschette. Questi accessori non solo facilitano la pulizia, ma aiutano anche a mantenere il lavello in ordine e organizzato.

Abbiamo poi sottolineato di non lasciare residui di cibo e piatti sporchi nel lavello, e discusso dell'importanza di pulire il filtro del lavello per garantire un'efficace funzione di drenaggio e prevenire l'accumulo di sporco. 

Ricorda di utilizzare il prodotto giusto a seconda del materiale del lavello. Mentre per i lavelli in granito e ceramica è consigliabile evitare detergenti acidi o abrasivi, per i lavelli in acciaio inox e Kuarzite ci sono indicazioni specifiche per una pulizia ottimale.

Mantenere pulito il lavello della cucina richiede un impegno costante, ma seguendo i nostri consigli pratici potrai preservare la bellezza e l'igiene a lungo termine.


Ricorda di consultare sempre le istruzioni del produttore e le avvertenze disponibili per il tuo lavello specifico e di adottare le pratiche di pulizia e manutenzione consigliate.